Donnafugata - Capodanno 2018

Il Donnafugata Golf Resort & Spa è lieto di annunciare il
Gran Galà di Capodanno
per dare il benvenuto al 2018 nell’atmosfera di una location d’eccezione.

Donnafugata Golf Resort & Spa is delighted to announce the
New Year’s Eve Gran Gala
to welcome 2018 in the atmosphere of a unique location.

Clicca qui per richiedere maggiori informazioni
Click here to request more infos

T. +39 0932 914208
Prenota

Castello di Donnafugata

Non c'è una giornata migliore nella Provincia di Ragusa da trascorrere visitando il Castello di Donnafugata.

Recentemente restaurato, il Castello, con la sua facciata bianca e la loggia gotica veneziana, offre una calda sensazione di piacere ad ogni visita, forse perché è un castello che avrebbe potuto illustrare un libro di fiabe e dona un senso di riconoscimento. Deludente, però, il nome del Castello, la cui traduzione letterale sarebbe "la donna fuggita", è solo il risultato di una corruzione linguistica e non un riferimento a qualsiasi fuga romantica. Nel decimo o nell'undicesimo secolo, gli arabi, trovando una fontana d'acqua dolce sul sito, costruirono una fortificazione sul luogo e la chiamarono "Ayn As Jafat" ["Fontana della Salute"] . Questa è diventata "Ronnafuata" nel dialetto e poi "Donnafugata".

Ci sono però alcuni romantici che insistono sul fatto che il Castello deriva il suo nome dalla prigionia della Regina Bianca di Navarra nel Quattrocento. Suo marito, il re Martin I di Sicilia, era morto nel 1410 e fu corteggiata da Bernardo Cabrera, un nobile anziano che sperava di sposarla e diventare re. Al rifiuto della donna, come narra la storia, la chiuse nel castello ma, con l'aiuto di un servo, riuscì a scappare. È bello credere a questo racconto, ma il Castello è stato costruito in seguito, la sua parte più antica è la torre quadrata del XVII secolo. Un'altra illusione portata avanti da alcuni visitatori è che il Castello sia il Donnafugata citato in "Il leopardo" - ci sono anche alcuni libri guida e siti web che sostengono questa tesi.

Il castello che vediamo oggi è in gran parte dovuto al lavoro e all'immaginazione del politico del diciannovesimo secolo Barone Corrado Arezzo de Spuches [1824-95] che, con la sua miscela di stili architettonici e paesaggistici, è un bel esempio di eclettismo dell'epoca. Il barone Corrado costruì strutture neogotiche e neoclassiche sull'attuale quadro del Seicento e si dilettò nella miscela di stili, aggiungendo i famosi archi a trefoil alla loggia. Aveva una caffetteria costruita nel giardino insieme a un tempio, grotte artificiali e labirinti. Ha anche acquistato piante esotiche i cui discendenti possono essere visti accanto a specie mediterranee nei giardini di oggi. Qui un visitatore potrebbe trascorrere felicemente diverse ore, perché c'è sempre una nuova "sorpresa" da vedere mentre si vaga attraverso i terreni: se ci si avventura sino all'entrata di una piccola cappella, una statua di un monaco barbato "proverà" ad abbracciare il visitatore!

All'interno del Castello, che ha 122 camere, solo il primo piano è aperto ai visitatori, ma c'è molto da essere affascinati: si raggiunge il "piano nobile" attraverso una scala di pietra nera con statue su entrambi i lati e quando si entra nella prima sala, Si comincia a capire l'attenzione ai dettaglio che la nobiltà siciliana del tempo di Corrado esibiva nelle case di campagna: le carte da parati sono dipinte a mano e, nel salone degli stemmi, è possibile ammirare le raffigurazioni degli stemmi delle varie famiglie nobili siciliane.

Poi c'è la "camera dei fumatori", che ha uno sfondo con motivi a tubo. Se gli uomini disponevano di una sala fumatori, anche le donne erano disponevano di una loro sala, la sala delle donne, dove passavano le serate. In questa sala un enorme lampadario in vetro di Murano, dono di uno dei molti importanti baroni che visitavano il. C'è anche una sala musicale con tre pianoforti meccanici, una sala biliardo, una galleria di immagini e la camera da letto dove si dice che la regina Bianca avesse trascorso la sua cattività.

Non c'era una donna in fuga, ma ci fu, almeno, una "fuga con amante" in modo da compensare in qualche modo: tutto accadde quando un francese chiamato Gaetano Combes de Lestrade si innamorò di Clementina, la nipote di Baron Corrado.

I due fuggirono insieme e Corrado fece del tutto per trovarli. Ci riuscì, le famiglie appianarono le loro divergenze e la coppia visse una parte di ogni anno in Sicilia e l'altra a Parigi. Il loro nipote, un altro Gaetano, fu l'ultimo proprietario del castello prima di passare alla Provincia di Ragusa nel 1982.

Video

Donnafugata Golf Resort & Spa

Contrada Piombo, 97100 Ragusa
Sicilia (Italia)
+39 0932 914200